Huawei Ban: ARM valuta di interrompere i rapporti | Comunicato Huawei

Huawei Ban: ARM valuta di interrompere i rapporti | Comunicato Huawei

La vicenda relativa al Huawei Ban assume un risvolto del tutto inaspettato, stando ad un recentissimo report pubblicato dalla BBC: secondo dei documenti interni – datati 18 maggio – ottenuti dall’emittente, pare che anche ARM stia istruendo il proprio staff riguardo l’interruzione dei rapporti con Huawei.

Come è facile capire, questa dichiarazione pone le basi per uno scenario ben peggiore rispetto a quello già prospettato dalla sospensione delle licenze di Google, dal momento che ARM è responsabile della creazione delle architetture alla base dei chip Kirin che muovono tutti i dispositivi mobile di casa Huawei.

Questo significa che, sebbene la società possa arginare il problema Google attraverso la creazione di un sistema operativo alternativo con store proprietario | Huawei Ban: bullismo USA, rapporti con Google, alternative a Play Store e Android | al momento non esiste una valida alternativa ad ARM che possa rimpiazzare le architetture sviluppate dall’azienda.

Secondo quanto riferito dalla BBC, i documenti visionati contengono delle note che invitano lo staff ARM a non fornire supporto, inviare tecnologie hardware e software, prendere parte a discussioni tecniche con rappresentanti di Huawei, HiSilicon e di ogni altra società coinvolta, rifiutando in maniera educata qualsiasi interazione che possa infrangere queste regole. Gli stessi obblighi sembra che siano stati imposti anche a ARM Cina, di cui ARM Holdings detiene il 49% delle quote.

A rendere ancor più preoccupante la notizia – che ricordiamo deve essere ancora confermata, al momento è uno scoop BBC – è il fatto che ARM sia una società con sede nel Regno Unito e controllo giapponese tramite SoftBank, quindi non è tenuta ad adeguarsi alle direttive dell’amministrazione statunitense.

Tutto ciò trova una spiegazione all’interno di uno dei memo intercettati dalla BBC, all’interno del quale si legge che la motivazione della possibile interruzione dei rapporti potrebbe essere dovuta alla presenza di tecnologia USA nella progettazione delle architetture ARM. Attendiamo maggiori conferme e sviluppi della vicenda, intanto ARM ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TO TOP
WhatsApp Contattaci